Vie Alpinistiche Corni di Canzo

luigi_parediLa «Riconquista dei Corni», un avventuroso ed ambizioso progetto teso alla riscoperta alpinistica dei Corni di Canzo iniziato nel 2013. Ancora una volta “due di asso” sono stati protagonisti delle storie di “Cima”: il fortissimo Mattia Ricci ed il casinista Davide “Birillo” Valsecchi, che è colui che scrive qui per voi. In questo lungo viaggio abbiamo cercato di unire tutte le informazioni che riemergevano dal passato con ciò che siamo riusciti a raccogliere lanciandoci spesso nell’ignoto: abbiamo fatto davvero tanta strada e la maggior parte di essa è stata verticale e strapiombante!

Nella foto qui in alto appare mio nonno, Luigi Paredi. In un racconto degli anni ’70 scritto da Pietro Paredi, Guida Alpina emerita di Valbrona, si legge a proposito di mio nono: “Da lui ebbi l’incitamento ad iniziare questa mia attività. Da lui ebbi sostegno morale in ogni mia impresa.”  Spero che questa raccolta possa conservare il suo stesso spirito e continuare ad essere di incitamento e sostegno come lo fu lui per molti giovani.

Durante il nostro “viaggio” abbiamo scoperti luoghi inaspettate e costruito nuove amicizie che si sono rafforzate nel tempo. Quando abbiamo iniziato la nostra avventura potevamo contare sulle vecchie guide e su “L’isola senza Nome”,la più importante pubblicazione dedicata alle nostre montagne. Nel 2015 è stata pubblicata una nuova guida di cui anche noi ora facciamo parte.

Ora parliamoci chiaro: se cercate gloria e fama il mondo è pieno di montagne dal nome altisonante, andate altrove! Ai Corni di Canzo se non siete preparati troverete solo rogne, pericoli e fastidi. Toccherà a voi ignorare le critiche e comprendere il valore di ogni piccolo passo in avanti che saprete compiere. Tuttavia, se vi troverete su quelle pareti appesi nel vuoto, a tenervi conforto ci sarà quella strana sensazione di essere parte di “qualcosa”, vi sentirete vicino quei pochi che prima di voi si sono avventurati nella vostra stessa ardimentosa ricerca attraverso quelle onde di roccia.

I Corni esigono prudenza e rispetto, se vi trovate nei guai perdete il rispetto ma mai la prudenza. Detto questo tenete la testa sulle spalle e godetevi la vostra meravigliosa avventura.

Davide “Birillo” Valsecchi

birillo_e_mattia

Davide “Birillo” Valsecchi e Mattia Ricci

Questa è la raccolta dei racconti pubblicati durante le nostre primissime esperienze sulle vie classiche dei Corni di Canzo:

Le vie ripercorse:

Corno Orientale

Luigi Paredi – Corno Orientale

Stella Alpina

Corno Orientale: Via Dell’Oro

Parete Fasana:

Parete Fasana: via Longoni-Corti

Via Fasana – Parete Fasana Corno Centrale

Attilio Piacco: battuti e respinti

Attilio Piacco: secondo round

Tempesta in parete

Gruppo dei Pilastri

Via del Camino – Pilastro Minore

Alla croce del Pilastrello

Corno Centrale (Settore Desio)

Via Irma – Torre Desio

Camino Fasana – Torre Desio

Via Corvara

Spigolo Palferi

Via Paredi-Canali Settore Desio

La via delle Caverne

Corno Occidentale

Corni Valbrona89

«Attenti a quei due»: prima ripetizione invernale

Corno Occidentale: Variante SEM

Corno Occidentale: Giorgio e Renzo

%d bloggers like this: