L’Ordine: il ragazzo ha le gambe magre ma cresce bene.

Tags:

Old man and the boyBravo ragazzo, hai compiuto da poco il tuo primo mese di vita, ti vedo andare in giro ancora nei tuoi quattro fogli, magro forse ma ancora agguerrito. Hai un padre severo e pretenzioso ma non hai una mamma che ti prepari sulla tavola tre pasti caldi al giorno, tocca arrangiarsi, crescere in fretta, farsi furbi e sopportare le difficoltà.

Certo, hai un caratteraccio impertinente e sono solo altri guai. Senza una mamma tocca arrangiarsi, morbillo e varicella devi curarteli da solo mentre gli altri ragazzi vengono visitati dai luminari nel caldo delle loro case.

Ho sentito quello che dicono di te, i giovani sono cattivi alle volte. I figli dei signorotti di città ti sfottono perchè sei un provinciale, hai un vestito solo e te lo stira il babbo. Lascia che i cani abbaino, sei un bel ragazzo e tra qualche anno, quando andrai a morosa, ti prenderai la tua rivincita su quei pallidi ciccioni di città.

Guardati in giro, sei nato sul lago ai piedi dei monti, impara a stare a galla ed ad arrampicare. Impara a bestemmiare e a pregare per stare tra la gente, impara da tuo padre l’educazione per stare a tavola con i signori. Il viaggio è lungo ma questa è casa tua e devi prendertene cura.

Certo, sei l’ultimo arrivato, hai poca esperienza, viaggi con le pezze al culo e spesso ciò che hai da offrire è solo un sorriso ma hai l’animo gentile di chi è ancora libero, di chi crede e spera. Ecco perchè contiamo su di te.

I ragazzi vanno accuditi, devono provare la fame per crescere dritti ma non devono patirla, spesso per la fame si baratta la libertà. Eccoti la mia moneta ragazzo, ora va a giocare per le strade di Como e qualche volta passa a trovarci su per le valli dove viviamo noi montagnini.

Ci aspettiamo molto da te, salutami il tò pà.

OrdineOnLine

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: