Massimo Baraldi: One For The Road

CIMA-ASSO.it > Arte > Massimo Baraldi: One For The Road

One for the roadTra gli artisti del panorama comasco che ho avuto il piacere di incontrare Massimo Baraldi è il mio preferito. Massimo è una persona molto gentile che appena comincia a parlare, con quel suo accento mezzo modenese e mezzo comasco, riesce subito a metterti a tuo agio coinvolgendoti nei suoi discorsi, mai troppo seri e mai banali. Quando c’è lui sò che mi divertirò, che scoprirò aneddoti e curiosità sul cinema, sulla musica e sulle cose strane della vita.

“Il Baraldi” è un giornalista musicale, la sua più grande dote è l’innata capacità di risultare immediatamente simpatico, anche agli artisti più “rognosi” accettando di buon grado di farsi intervistare da lui. Parla russo, gestisce un sito web (massimobaraldi.it) e scrive libri quando non pubblica interviste.

E’ da poco uscita la 3ª ristampa di “One for the road, soliloquio da bancone in 19 giri ed un brindisi”.  Io ne ho una copia della prima edizione autografata da Baraldi e Santambrogio!!

“One for the road, uno per la strada, è un brindisi ampiamente diffuso in tutto il mondo anglosassone. L’origine di questa espressione, dai più dimenticata, è legata alla tradizione londinese di offrire l’ultimo bicchiere ai condannati a morte durante il tragitto di circa tre miglia che li separava da Tyburn Tree e dalla forca. A quell’ epoca le esecuzioni erano occasioni di festa e si stima che a Tyburn Tree, dal 1196 al 1783, siano state eseguite dalle 40.000 alle 60.000 sentenze.

One for the road, un brindisi che nell’uso comune offre alla strada l’ultimo bicchiere della serata, diventa il pretesto intorno al quale costruire una storia: la storia in 19giri e, appunto, un brindisi, di un personaggio senza volto e della sua lunga ultima notte, trascorsa al bancone di un bar a raccontarsi a un interlocutore senza nome… un giro dopo l’altro, in una grottesca, dolorosa estrusione.

Questi gli elementi. Tutto il resto si muove nella nebbiosa terra di nessuno tra il sogno e la realtà, sullo sfondo di una caccia crudele dove i tratti del cacciatore si confondono e sovrappongono a quelli di chi è braccato.”

Il libro, arricchito da una prefazione scritta dal poeta americano {it:Jack Hirschman} che è ritenuto dalla critica “il più importante poeta vivente d’America”. Basti pensare che {it:Hemingway} inviò a Hirschman una celebre lettera per incitarlo a continuare a scrivere. In seguito alla morte di Hemingway l’ Associated Press ne diffuse la lettera che venne pubblicata sui giornali di tutto il paese, compreso il New York Times, come “Lettera a un giovane scrittore”.

Alla grande Massimo, One For The Road!!

3 thoughts on “Massimo Baraldi: One For The Road

  1. Sembra veramente affascinante, ne parlano come di un fumetto in prosa, con ambientazioni noir, lugubri e misteriose.
    Della tua recensione mi ha colpito l’assenza di nomi dei protagonisti, come se fosse un racconto personale, terrificante e doloroso di un condannato a morte , e allo stesso tempo si riferisse non ad un altro protagonista ma a lettore stesso, del resto siamo tutti condannati prima o poi a morte e abbiamo tutti misteri e dolori da affrontare.

    Vedi di procurarmi una copia autografata del libro, me racumandi! 😛

    Anzi facciamo due! 😛

  2. Hey Davide! Grazie per la sviolinata! Il conforto di qualche buona parola, in questo freddo mondo battuto dal vento, ogni tanto ci vuole proprio.
    E, per rispondere a Dr. Piyoz, la mia idea era di fare in modo che il libro non solo parlasse direttamente al lettore, ma lo trasformasse progressivamente nel protagonista… a mutazione avvenuta, di un nome non ci sarebbe più stato alcun bisogno. Se l’esperimento sia riuscito oppure no… be’ non saprei dirlo, ma l’intenzione era quella.
    Prosit!

  3. Pingback: chineseLocker

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: