Eventi della settimana

CIMA-ASSO.it > Uncategorized > Eventi della settimana

Megazzini_BenedettaIn questi giorni sono stato un pò scosso per la scomparsa di Fabrizio e non ho avuto il tempo di raccontarvi gli eventi di Asso con il solito entusiasmo. Tuttavia, nonostante le preoccupazioni, in paese ci sono state molte piccole inizative che non meritano di essere ignorate. Provo a racchiuderle tutte in quest’articolo:

# Le signore di Asso si sono date da fare ancora una volta per abbellire il paese. Con il taglio dell’ICI il Comune ha deciso di essere prudente con i fondi ed ha rinunciato alle illuminizioni natalizie. Informate di questo , le signore di Asso, hanno cominciato alcuni mesi fa a confezionare “a mano” gli addobbi che ora sono appesi per le vie del paese. Martedì pomeriggio, armato di scala, ho aiutato le signore a fissare quelle nei punti piu’ alti. L’invito, ovviamente, è di contribuire al clima natalizio abbellendo ed adornando le proprie case, le propie finestre ed i propri balconi. Asso può essere bella e natalizia anche senza le “luci” se tutti ci diamo da fare.

# L’ormai consueto appuntamento con la letteratura del Martedì in Biblioteca prosegue. Sotto la guida del professor Nello Evangelisti ci stiamo addentrando nella scoperta del romanzo fantastico dell’800 e del’900. Martedì si è affrontato un breve racconto di Buzzati introducendo autori stranieri come Edgar Allan Poe o il milanese Ugo Tarchetti.

# E’ attualmente in corso presso il salone consiliare del Comune di Asso una mostra d’arte degli artisti Megazzini Benedetta e Atria Roberto. La mostra inaugurata il 7 Dicembre resterà aperta tutti i giorni dalle 15:00 alle 22:00 fino a Domenica 14 Dicembre.

# Venerdì 12 Dicembre alle ore 21 presso la Biblioteca di Asso verrà presentato il libro “Soldi sudati” di Lucia Sala. La storia dei contrabbandieri Lariani durante il ventennio fascista: «C’erano tre categorie di contrabbandieri: alla prima appartenevano quelli che ci mettevano i soldi e pagavano il sacco; erano pochi e ricchi… Della seconda facevano parte i capi: decidevano il percorso, si incaricavano del trasporto della merce e del reclutamento… La terza categoria, la più disagiata, era quella degli spalloni: portavano sulle spalle per chilometri sacchi del peso di trenta, trentacinque chili. Paragonabili ad animali da soma, facevano grandi fatiche e rischiavano dalla galera alla pelle».

Per ora è tutto e scusate se questa settimana non sono riuscito a dare il giusto spazio ad ognuna di queste iniziative.
.Davide

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: