[Sponsor]: Scotty, il carica batterie solari

Quando ti trovi in mezzo al nulla speri almeno che faccia bel tempo, che il sole si faccia vedere per scaldarti un po’ le ossa. Certo, se quel nulla è l’altopiano del Tibet molto probabilmente te lo stai godendo appieno. Questo è quello che succederà quando ci troveremo lassù,  in uno strano deserto che si estende per 2000km ad oltre 4500 metri di quota.

Ma in quel nulla si deve fare attenzione ad un sacco di cose e tra queste vi è l’energia, non solo quella nelle gambe ma anche quella necessaria a mantenere attivi e funzionanti tutti gli strumenti che ci seguono lungo il nostro percorso. I Gps, i palmari, le fotocamere ed registratori portatili che servono per proseguire e catturare il nostro viaggio hanno bisogno di energia che va continuamente ripristinata, l’unica fonte che ci può aiutare in quelle condizioni è il Sole.

Nel ’99 avevo a disposizione due grossi pannelli solari rigidi che, con uno strano acrocchio di fili, ricaricavano i due walky-talkie che avevamo portato con noi, unica apparecchiatura tecnologica che avevamo in dotazione.  Ricaricare le batterie era comunque un agonia e richiedeva tempi lunghissimi. Ripensare a quei due pezzi di vetro imballati come la gioconda sul dorso di un somarello mi fa sentire dell’epoca preistorica!!!

Oggi fortunatamente è diverso, abbiamo sì un fabbisogno maggiore di energia ma anche gli strumenti a nostra disposizione sono enormente migliorati. Per la spedizione Enzo ed io ci siamo messi a cercare di capire cosa potesse offrire la moderna tecnologia fotovoltaica scoprendo incredibili novità.

Le aziende che operano in questo settore non sono moltissime ma hanno una gamma molto ampia di prodotti ed è grazie a questa ricerca che abbiamo trovato Scotty. Un nome molto amichevole per un oggetto molto interessante: Scotty è infatti in grado di utilizzare il sole per produrre energia e ricaricare le proprie batterie interne fungendo poi, all’occorrenza, da caricatore per le batterie degli altri apparecchi.

Quando è connesso agli strumenti rende fruibile l’energia del sole in modo diretto mentre quando è semplicemente esposto ai raggi solari è  in grado di accumulare scorte da utilizzare in un secondo momento. Questo permette a Scotty, quando è bello carico, di rendere fruibile l’energia che ha accumulato di giorno anche quando è buio. Quando è disponibile una fonte di energia elettrica è possibile ricare tutti gli strumenti ed accumulare riserve aggiuntive anche dentro Scotty. Il tutto in grazie ad un apparecchio molto compatto, poco ingombrante e del peso di 300 grammi.

Inoltre Scotty offre un opportunità che nessun altro carica batteria simile offre: il suo “deposito” di energia infatti può essere costituito sia da due batterie al Litio che da batterie ricarcabili standard, da due 2 a 4 batterie stilo ricaricabili AA  o ministilo AAA con un adattattore. Questo significa che Scotty ricarica direttamente anche le batterie degli apparecchi (vedi Gps, radio, ecc) o, “alle brutte”, può essere saccheggiato direttamente delle batterie senza dover aspettare i tempi di ricarica.  Oltre ad offrire un’ulteriore opportunità di impiego le batterie ricaribili sono molto più economiche e facili da reperire delle batterie al litio.

La E-Net, un distributore italiano di questa tecnologia, ha reso disponibile per la spedizione due Scotty Professional, il top della gamma in grado di offrire un elevata efficienza e durata e, cosa importante, sono disponibili tutti gli adattarori per le varie e differenti spine e spinette che mi eviteranno di pasticciare con fili e morsetti!! (…e cosa ancora più importante il software interno di Scotty gestisce in modo autonomo tutti i voltaggi evitando guai con gli apparati in ricarica).

Mi hanno detto che anche il Professor Rubbia ne ha uno e quindi vado tranquillo, credo che il piccolo Scotty ci darà soddisfazioni!!

[Per ulteriori informazioni sul viaggio in Ladakh visita la sezione dedicata]

By Davide “Birillo” Valsecchi published on: cima-asso.it

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: