Stendhal ad Asso

CIMA-ASSO.it > Arte > Stendhal ad Asso

Il suo nome è legato indossolubilmente allo stupore, travolgente e completo, che la bellezza può provocare nella mente dell’uomo che ammira l’arte o la natura:  «Ero giunto a quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti ed i sentimenti appassionati. Ebbi un battito del cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere. »

Stendhal, Henri-Marie Beyle, uno scrittore francese, un narratore, un giornalista, uno storico, un memorialista, un diarista ma sopratutto un appassionato viaggiatore che percorse ed amò la nostra Italia agli inizzi dell’800.

Il 25 agosto 1818, dopo aver visitato la stupenda Firenze, l’immortale Roma e la misteriosa Parma era niente meno che ad Asso ed ammirava stupefatto, con l’amico Giuseppe Vismara di Varese, la magnificenza della nostra cascata della Vallategna annotandola nei suoi diari di viaggio.

Il suo viaggio attraverso la Brianza partì da Lecco e si mosse  verso Oggiono raggiungendo il placido lago di Annone. Da Oggiono risalì verso Cesana Brianza e poi, costeggiando il piccolo lago del Segrino che lo scrittore definì “selvaggio e triste”, arrivò ad  Asso. Qui ci si inoltrò lungo la strada che porta alla Cascata della Vallategna e l’Orrido di Ponte Oscuro. Il suo viaggio proseguì poi verso Erba e verso Inverigo.

L’Italia di Stendhal, uno dei padri della letteratura dedicata al viaggio, è magnifica: “Se spingo la porta di un libro di Stendhal posso raggiungere una casa delle vacanze: le preoccupazioni si dissolvono, le necessità vengono congedate, il peso del mondo si alleggerisce; ogni cosa è diversa: il sapore dell’aria, le linee del paesaggio, gli appetiti, la leggerezza di vivere, perfino la salute, l’approccio degli uomini. Stendhal fonda al riparo per i suoi lettori una seconda patria abitabile, un ermitage sospeso fuori dal tempo, che non è veramente né situato né datato, un rifugio fatto per le domeniche della vita dove l’aria è più secca, più tonificante, dove la vita scorre con maggiore disinvoltura e freschezza. Un Eden delle passioni in libertà”. Julien Gracq

La nostra Asso, i nostri laghi e le nostre montagne non sono più le stesse del 1800 ma credo che, nosostante il deciso e a volte violento processo di antropizzazione (leggisi “tutto il cemento che abbiamo tirato in piedi”), resti uno dei paesaggi più belli del mondo. Certo i palazzinari arricchiti del sud della Brianza non possono capire nè condividere la meraviglia di Stendhal ma la mediocrità dei loro gretti intenti li rende di per sè inoffensivi e destinati alla sconfitta. Ci sono idee più solide del loro scadente cemento.

L’eredità di Stendhal è qualcosa che ci appartiene per diritto di nascita, è la bellezza della nostra terra. E’ ormai evidente che solo prendendosene cura tutti insieme è possibile preservarla ed esaltarla, renderla un luogo in grado di suscitare lo stesso stupore che colse Stendhal visitando Asso, la porta d’ingresso della Vallassina.

Davide “Birillo” Valsecchi

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: