Cai Asso: tradizione per la montagna

I nostri successi

I nostri successi

Squilla il telefono, rispondo. E’ Renzo Zappa, il Presidente del CAI-Asso: “Ce l’hanno fatta, hanno chiamato stamattina, sono arrivati in cima all’Island Peack!”

Ecco un altro risultato nella lunga storia della nostra piccola sezione: Franco Bramani e Roberto Maggioni, soci e consiglieri del Cai Asso, hanno raggiunto la cima dell’Island Peak, una montagna  di 6189 metri nel cuore del Nepal.

I “nostri” sono ancora in Nepal ma in qualità di Vice-Presedente della sezione voglio esprimere loro i complimenti di tutti i soci ed un po’ di quell’entusiasmo che trasmetteva Renzo nella sua  telefonata: “Dai, dai, scrivi qualcosa che sono stati bravissimi!! In cima tutti e due!!”. Il presidente era proprio contento.

Ma la piccola  sezione di Asso vanta al suo attivo una tradizione invidiabile, una passione che viene vissuta a vari livelli e a tutte le età. India, Pakistan, Nepal ma anche Africa e Ande. I soci del Cai Asso esplorano le cime del mondo. Proprio quest’anno è arrivato un’altro successo importante: Giovanni Paredi ha infatti raggiunto la vetta dell’Aconcagua, a quota 6962 metri, il punto più alto delle Ande argentine, la più importante montagna della Cordigliera.

Angelo Rusconi continua la sua opera benfica in Pakistan ormai da oltre dieci anni e in Africa il Cai Asso, se la nostra bellissima Hanang (3417 metri) può sembrare una montagna troppo piccola, si fregia della cima del Monte Kenya (5.199 metri) grazie a Luciano Giampà.

Ma il vero orgoglio, la vera gioia della nostra sezione, è il continuo impegno profuso nella conservazione del nostro territorio e nell’insegnamento alle nuove generazioni. Ogni viaggio, ogni conquista, è solo un ulteriore esempio da offrire ai giovani che si avvicinano alla montagna scoprendo una nuova passione. Tra le tante fotografie ed i ritagli di giornale che adornano la nostra sezione brillano piccole soddisfazioni come questa:

“Allievi alpinisti a scuola di roccia e sentieri. E’ accaduto ad Asso, dove 16 giovani del Cai Asso hanno raggiunto la vetta dei Corni di Canzo, partendo dal monumento ai Caduti di Valbrona. Lungo la via del Caminetto, i ragazzi hanno messo in pratica quanto imparato durante il corso di introduzione all’arrampicata organizzato nella scuola di Valbrona: sotto la direzione di Lia Mozzanica e con la collaborazione degli istruttori del Cai Asso e della Società Sportiva Valbronese, i partecipanti hanno appreso tutti i segreti dell’andare in montagna in sicurezza.

Una abbraccio a tutti i soci della nostra sezione e ai “nostri” ancora in viaggio!!

Davide “Birillo” Valsecchi a nome del Consiglio del Cai Asso

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: