Tanzania the Movie

Tags: ,
Verso l'Hanang

Verso l'Hanang

Sono passati ormai quasi otti mesi dal 21 Aprile 2010: sembra trascorsa un eternità da quella mattina buia in cui, Enzo ed io, ci siamo incamminati su per il monte Hanang nel cuore dell’Africa.

Ricordo che mi mancava il fiato quella mattina, avevamo fatto un lungo e scomodo viaggio  fino a Kathesh ed avevamo riposato solo mezza giornata: cominciavo ad essere stufo di mangiare solo  pollo arrostito a pezzi e mi sentivo stanco.

Mi mancava il fiato quella mattina ed al buio respiravo lento ad ogni passo perchè le gambe ed il corpo si adattassero a quella piacevole sensazione che è camminare: rotto il fiato e scaldati i muscoli potevo immergermi nell’avventura della scoperta.

Il vento soffiava forte come se scappasse nel buio dall’alba incalzante che nasceva sulla pianura. Enzo camminava davanti a me: la montagna, il vecchio vulcano, era coperto di vegetazione ed il ripido sentiero saliva lento ed incessante lungo il suo fianco occidentale.

Nei suoi 3415 metri svettava al di sopra delle nuvole che spinte dal vento si ammassavano sulle sue pendici: un emorme piramide posta nel mezzo di una sterminata pianuta verde costellata di laghi.

Mi ero quasi dimenticato di quella salita, il ricordo si era quasi assopito nella memoria per tornare ora, riguardando le foto, nuovamente vivo e vibrante: che bella montagna, solitaria e magnifica in un mare di nuvole.

Ho finalmente “montato” i filmati di quel giorno in una piccola clip. Spero vi faccia piacere vedere l’Africa dall’alto così come abbiamo potuto fare noi quel giorno:

Qui trovate il racconto di quella gioranta che scrissi la notte stessa quando tornammo finalmente a valle: Sopra le nuvole d’Africa

Davide “Birillo” Valsecchi

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: