Asso chiama Zanzibar #02

Raccoglitrici di alghe

Raccoglitrici di alghe

[In collaborazione con il laboratorio di giornalismo della Scuola Media di Asso coordinato dalla Professoressa Giulia  Caminada ecco i nostri racconti di viaggio dedicati ai giovani giornalisti]

Cari Davide e Enzo

inutile dire che abbiamo aspettato con impazienza la vostra  prima lettera, che abbiamo letto in classe. Del resto abbiamo deciso di studiare il continente africano in questo momento proprio per accompagnarvi in questo viaggio virtuale. Ora che tocca noi scrivere ci risulta però molto difficile scegliere gli argomenti di cui parlare o su cui fare le domande.

Siete arrivati a Zanzibar e sappiamo che l’isola è uno dei luoghi più rappresentativi della cultura Swahili. Ci avete detto che siete attraccati al porto di Stone Town e noi sappiamo che lì ci sono gli antichi palazzi dei sultani e che la cucina è rinomata per i suoi insoliti abbinamenti di sapori. Inutile dire che ci piacerebbe visitare il Beit El-Sahel e il Palazzo delle meraviglie.

Per quanto riguarda la cucina immaginiamo che nella preparazione dei piatti gli abitanti del luogo utilizzino molte spezie. Come sono le coltivazioni delle spezie? Sono estese piantagioni oppure, come da noi, piccoli campi? E quali sono le spezie che si coltivano? Questi campi quanto paesaggio occupano?

Ci avete scritto che siete nell’isola di Unguja che si affaccia sull’Oceano Indiano ed è circondata dalla barriera corallina. Che cosa vi ha colpito di questo ambiente? E’ veramente così stupenda come la vediamo nei documentari? Ci sono squali e balene nell’Oceano Indiano?

Zanzibar è un arcipelago dove si vive in pace? Sappiamo che la maggior parte delle guerre che si combattono nel mondo si svolgono in Africa anche se la TV ne parla poco. In questi giorni ci hanno molto colpito le forti tensioni che stanno scoppiando in Egitto…

Abbiamo molto discusso sulla formula di saluto e non siamo giunti concordi a un saluto condiviso.
Però è certo che il vostro viaggio è anche il nostro e che quindi, perchè salutarci se siamo con voi?

Vi auguriamo le cose più belle e alla prossima lettera
Noi di bloggiornalismo.scuoleasso.it



Mambo, u hali gani? Come va?

Scuste il ritardo nel rispondervi ma l’Humeme, l’energia elettrica, in questi giorni va e viene ed abbiamo avuto qualche difficolà a raggiungere Internet. Vi ringraziamo per la vostra lettera e per le vostre domande: ci vorrà del tempo per trovare tutte le risposte!!

Purtroppo sì, l’Africa è un continente funestato dai conflitti. La guerra è terribile ed ha origine solo e sempre per due motivi: ignoranza ed avidità. Per questo, fintanto che siete giovani, nutrite la vostra mente di conoscenza perchè è l’unica soluzione per evitare la guerra o, nel caso peggiore, non per perderla.

Asante sana (molte grazie!)

Davide “Birillo” Valsecchi & Enzo Santambrogio

3 thoughts on “Asso chiama Zanzibar #02

  1. Piergy

    Musica? E’ una terra di musica la Tanzania? Che genere di musica si sente? E’ diffusa anche per le strade? E’ un paese che vive al ritmo della musica? Bye

  2. Davide "Birillo" Valsecchi Post author

    Ciao Piergy

    la musica tradizionale della Tanzania è il Taarab, letteralmente “gioia nella musica”. Lo scorso anno abbiamo assistito ad un esibizione di i Kidude, una cantante locale di 105 anni che è considerata una leggenda vivente. Ti posso garantire che la nonnina aveva grinta da vendere!!

    I giovani invece ascoltano molto una specie di Hip-Hop locale che prende il nome di Bongo Flava ed è esagerato nel modo in cui scimmiotta il rap americano inserendo però suoni e contesti locali.

    In generale la musica è molto diffusa e puoi trovarne di ogni tipo. Quando passano sulla costa le donne che raccolgono le alghe, come le nostre vecchie mondine, se la spassano cantando e così succede un po’ ovunque.

    La musica è quindi molto presente ed in particolare il ballo è vissuto in modo quasi liberatorio: ognuno balla come più gli pare senza che nessuno si scandalizzi, specie nelle bettole non frequentate dai turisti.

  3. edoardo

    ma là camminano a piedi nudi… comprare le scarpe è costoso????????????? Le persone per essere ricche cosa hanno per essere ricchi??? grazie ciao!!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: