Flaghéé: Gioventù Ribelle

Gioventù Ribelle

Gioventù Ribelle

Sono come fili sottili, quasi invisibili, che attraverso il tempo e lo spazio uniscono le persone accomunandone le vite: io li chiamo legami.

Spesso ho la fortuna di riconoscerli e a volte persino di fare parte di quell’insieme di trama ed ordito che dà vita alla storia.

Un legame è un vincolo che collega due o più cose, il loro ruolo spazia dalla scienza ai sentimenti e, spesso, “creare un legame” è quanto di meglio possiamo tentare di fare.

Con quest’idea, “unire le cose”, vi racconto il legame che accomuna i ragazzi di una scuola, le medie del mio paese, alle cime delle montagne del Lario ed ancora con i giovani che durante il Risorgimento Italiano seppero distinguersi in un’ Italia che stava per nascere.

Sabato io e Lele partiremo per attraversare le montagne del Lago di Como mentre Venerdì ci saranno consegnate le bandiere che ci accompagneranno durante questo nuovo viaggio: le Flaghéé.

Quest’anno, per celebrare la Storia d’Italia nel suo 150° anniversario, le bandiere del Lario saranno diverse dal passato: sono state infatti realizzate a mano dei ragazzi della IIIa C di Asso ed ognuna di esse è dedicata ad una figura del passato di cui, tra colorati disegni, ne riporta una citazione.

Ogni bandiera sventolerà su una cima che attraverseremo ed  ognuna di esse diverrà un legame: un sottile filo che legherà un  giovane studente, una montagna del nostro territorio ed un giovane del passato che non ha avuto paura di credere nei propri ideali.

Quelle bandiere diventeranno sottili fili in grado di unire Giorgia, Samuele o Aurora, la Grigna, il Grona o il Legnone ed il pensiero di figure come Nino Bixio, Garibaldi o Adelaide Cairoli. Legami che starà a me e a Lele “intrecciare” in un unico viaggio che sappia abbracciare la nostra storia e il nostro terriotorio sostenendo e spronando i nostri giovani a conquistarsi un ruolo nel futuro di tutti noi.

Ecco le Flaghéé dell’Unità d’Italia, ecco le Bandiere di una Gioventù Ribelle.

Davide “Birillo” Valsecchi

Un ringraziamento alla Professoressa Giulia Caminada e a tuti i ragazzi della IIIaC della Scuola Media di Asso di BlogGiornalismo.scuoleasso.it.

 

8 thoughts on “Flaghéé: Gioventù Ribelle

  1. Pingback: Blog Giornalismo » Blog Archive » Che fatica preparare i BAGAGLI… IO ODIO FARE I BAGAGLI… flaghéé-gioventùribelle

  2. Debora

    E domanii…….tutti in viaggio! Buon viaggio e buon divertimento Ragazzi!

  3. profcamiNada

    Non senza poca EMOZIONE abbiamo preparato i BAGAGLI per il vIaGGio che Davide ci avrebbe aiutato a fare.
    Ci siamo quindi apprestati a ripensare il RisOrgimentO a 150 dall’unità d’Italia attraverso @GiOvEnTU’ RIBeLLE, un progetto che intende passare in rassegna la ViTa di un gruppo di persone, da Cesare Balbo a Goffredo Mameli, dalla contessa di Castiglione a Maria Sofia di Borbone, dai fratelli Cairoli a Carlo Cattaneo, che spese la propria esistenza nel tentativo di veder realizzato un IDEALE. Le azioni di questi Giovani Ribelli ci fanno intravedere un periodo storico, coincidente con il Risorgimento, carico di forti passioni, di appassionata ricerca, di inquietudini ed irrequietezza moderna. I loro pensieri riuscirono comunque, anche nel caso in cui le loro imprese furono destinate al fallimento, ad imprimere dei segni profondi nella vita del paese.

    Nella convinzione che quano si insegna la STORIA non si tratta di elencare date o luoghi di battaglia ma di sfrenare la fantasia, essere curiosi, chiedersi perché e trasmettere questo atteggiamento. Occorre stimolare il gusto per la ricerca dando metodo e voglia di capire l’interdipendenza di presente e passato, con la presa di coscienza che IL PRESENTE E’ FRUTTO DI UNA SCELTA E NON E’ UN DATO NECESSARIO, con la consapevolezza e la RESPONSABILITA’ di essere partecipi di una società civile e politica che va conosciuta nella sua storia e nei suoi molteplici aspetti e alla quale ognuno è chiamato a contribuire con il proprio APPORTO PERSONALE.

    bloggiornalismo.scuoleasso.it seguirà – parallelamente a cima-asso.it – il VIAGGIO di Davide e Lele

    http://bloggiornalismo.scuoleasso.it/2011/05/cercare-di-capire-la-storia-e-come-smontare-un-pianoforte-per-vedere-dove-una-sonata-di-beethoven%E2%80%A6-sabato-gioventu%E2%80%99ribellebloggiornalismo-scuoleasso-it-i-pe/

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: