I Flaghéé al Monte Crocione

CIMA-ASSO.it > flaghee > flaghee150 > I Flaghéé al Monte Crocione

image

Da dove prenda il nome questa montagna li si può ben capire anche dalla foto.
La bandiera é di Eleonora ed é dedicata a Goffredo Mameli, quello che si intravede alle mie spalle é Bellagio.
Oggi il tempo é variabile e su tutto regna la foschia. Peccato, perché le foto non rendono giustizia al panorama.
Oggi salendo grandi incontri, una vecchia mulattiera che sale tra prati e rocce in una giornata di sole dopo grandi piogge promette solo una cosa: vipere.
Ne abbiamo incontrate parecchie, ancora intontite dal freddo dei giorni scorsi.
Non sono un pericolo, basta vederle per tempo e lasciare loro il tempo di scappare.
Oltre a questo posso dire che ci siamo abbuffati di meravigliose e sugose fragoline selvatiche: il meglio del meglio!
Come sempre, prima di raccoglierle, sondate il terreno con un bastone picchiano sulle rocce ed agitando i cespugli: la maggior parte delle persone viene morsa proprio raccogliendo fragoline.
A presto!

6 thoughts on “I Flaghéé al Monte Crocione

  1. Belle le immagini inviateci questa mattina, suggestiva quella della galleria, e ora questa immagine, quello che più mi ha colpito è la grandezza della croce. Su tutte le cime la croce… Mi chiedo se il cammino, la fatica, la determinazione che comporta portano l’uomo ad entrare in una dimensione dove l’aspetto della spiritualità si fa sentire. Il contatto con la natura selvaggia, incontaminata, i suoni della natura, gli odori, i colori, cosa suscitano nell’animo? La croce sulle cime, mi chiedo il significato simbolico del perché li in quel luogo.
    Mi lascio andare anche a cose più leggere, bene per la godereccia abbuffata di fragoline, così un po’ di frutta è arrivata sul vostro cammino.
    Un bacio e un abbraccio flaghéé
    Maria Grazia

  2. Si è bellissimo il panoramam da li !peccato il tempo!!lo sapete che prima di quella croce cen’era una in legno con dentro tutti i centesimi che ognuno che passava lo infilava in segno si fortuna!poi la beccata un fulmine e l’anno sostituita quella!

  3. Sai Marco,
    mi fai venire in mente che in Perù, sulle cime dei monti, la gente è solita costruire delle piccole torri con piccole pietre! In segno di fortuna!
    In ogni paese c’è un modo, che in fondo si assomiglia, per mandare un messaggio benaugurale!

    Peccato che il fulmine abbia colpito la croce di legno!

    Le foto non renderanno giustizia ma sono comunque cariche di fascino e ora non mi trattengo:
    questo mio appuntamento quotidiano è anche fatto di occhi gonfi di lacrime!
    Lacrime di commozione!

    Vi accompagno ancora nel vostro Viaggio
    Or

  4. Cavolo per la croce che si è rotta.
    E adesso vi augoro una buona giornata.:) 🙁

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: