Vacanze da Cani

CIMA-ASSO.it > curiosità > Vacanze da Cani

Il mio amico Ivan, educatore cinofilo professionista per cani, mi ha inviato qualche giorno fa questo filmato. In effetti questo è purtroppo il periodo dei grandi “abbandoni” che fortunatamente, anno dopo anno, stanno diminuendo.

Cani e “bestie in genere” hanno sempre affollato casa mia e, citando la saggezza Hawaiana di Lilo e Stitch, posso dire che è sempre valsa la regola: “Ohana significa famiglia e famiglia vuol dire che che nessuno viene abbandonato o dimenticato”.

Certo è che gli animali assomigliano al loro padrone ed i cani con cui sono cresciuto erano tutt’altro che “quieti” ed ognuno di loro aveva una personalità propria che si manifestava in modo particolare nelle dinamiche di gruppo.

Avevamo un vecchio Setter, ad esempio, a cui eravamo particolarmente affezionati perchè in passato aveva dato prova di grande lealtà e spirito prottettivo nei riguardi miei e della mia sorellina all’epoca molto piccoli. Tuttavia aveva un grosso difetto: una volta ogni due o tre mesi  scavava un buco sostto la recinzione e scappava per due o tre giorni.

Credo fosse il “richiamo della foresta” ma non ci fu mai modo di togliergli quel vizio. Quando comprammo un cucciolo, uno Schnauzer per fare la guardia, il Setter divenne particolarmente geloso del nuovo arrivato e, sebbene cucciolo,  lo “portò con sè” nella sua ennesima fuga.

In casa eravamo tutti preoccupatissimi perchè il cucciolo era davvero troppo giovane per cavarsela da solo e davvero non si sapeva dove quel vecchio Setter potesse essere andato nè se fossero rimasti insieme. Mio Padre si svegliava all’alba per cercarli nel bosco prima di andare a lavorare e tornava a cercarli ancora la sera prima che facesse buio, furono decisamente giornate massacranti per lui!!

Per una settimana intera non ci furono notizie dei due cani e cominciavamo a disperare di averli davvero persi finchè non telefonarono a casa: nel collare dei nostri cani, prima che il chip ed il tatuaggio diventassero obbligatori, attaccavamo sempre un piccolo bussolotto contenente un biglietto su cui era riportato il nome del padrone ed il numero del telefono di casa (mai il nome del cane perchè se no la gente se lo tiene!).

Il signore che ci aveva telefonato era di Bellagio, aveva trovato e preso un cucciolo che girava nel bosco dietro casa sua insieme ad un vecchio Setter. Era riuscito a prendere il piccolo non c’era stato verso di prendere il vecchio.

Da Asso a Bellagio sono quasi venti chilometri di boschi e montagne, se non avessero trovato la strada sbarrata dal lago non ho idea di dove avrebbero potutto arrivare. Mio padre andò subito a prendere il cucciolo e, per completare la stranezza dell’evento, la sera stessa si riprensentò in giardino anche il vecchio Setter: aveva capito che il cucciolo era tornato a casa ed aveva fatto altrettanto anche lui.

Dopo quella volta mia Padre tirò un cavo d’acciaio lungo una ventina di metri alla quale legò una catena di tre metri che scorreva su e giù lungo il filo: il vecchio Setter passò così la sua vecchiaia fino a quando, a furia di correre, la catena non si consumò lasciandolo libero di scappare un’ultima volta.

Quel cane aveva un nome inglese che pronunciavamo così come si legge in italiano: si chiavama “Rebel” ed era davvero il miglior nome per il suo carattere.

Erano altri tempi ma i cani non sono poi cambiati molto anche se paiono meno selvatici oggi. Le leggi si sono giustamente adeguate alla stupidità umana e l’abbandono di un cane oggi è un reato penale con pene molto severe, tuttavia i cani sono cani e se non avete provveduto ad addestrali in modo adeguato (faccio pubblicità ad Ivan) è necessario tutelare la vostra buona fede per evitare guai seri: se doveste malauguratamente smarrire il vostro cane dovete dopo un giorno o due (o anche il giorno stesso) denunciare in forma scritta il fatto alle autorità oltre che impegnarvi nelle ricerche.

Detto questo vale il messaggio del video: “Quest’estate non abbandonare un’amico, abbandona una rompicolgioni. Che è meglio!”

Buone vacanze a tutti!

Davide Valsecchi

One thought on “Vacanze da Cani

  1. Avete proprio ragione; non abbandoniamo mai gli animali! A me personalemente non piacciono, ma sono comunque contro il loro abbandono.. “Spiagge,hotel, alberghi per lui.. ci sono!” Come dice la pubblicità. E’ vero, ce ne sono molti di luoghi per loro, e poi se si accudisce un cane, perchè abbandonarlo? Io mi chiedo, non ci si affeziona?!

    Buone vacanze anche a voi, cima-asso!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: