Pakistan: Cima Asso 5100metri

Questa foto è emersa dagli scatoloni come un gioiello perduto, è uno scatto sulla parete che porta alla sommità di Cima Asso, la vetta conquistata e battezzata nel lontano 1999 in Pakistan da cui prende il nome questo sito.

Eravamo in Hindu Kush, sulla catena montuosa che separa la piana dell’Afganistan, dai territori tribali del nord del Pakistan. Eravamo in uno degli ultimi “spazi bianchi” sulle cartine del mondo e che, nel giro di pochi anni, sarebbe diventato uno dei punti caldi dello scacchiere internazionale.

La salita verso la cima era una prima assoluta e la squadra, composta da cinque alpinisti, si era divisa in due cordate per cercare la via migliore per salire. Nella foto si vede Angelo Rusconi, con il casco blue, seguito da Cristian Cattivelli, con il casco rosso. Io ero legato in fondo a questa cordata da tre. La foto l’ha invece scattata Simone Rossetti o Luciano Giampà che, legati nella seconda cordata, sondavano la parete più a sinistra.

Era il 5 Agosto 1999, il giorno del mio 23° compleanno per la precisione. Io ero il più giovane della squadra e non ero mai andato così lontano da casa in vita mia. Quanti ricordi! Che mondo spettacolare e selvaggio ci circondava!

All’epoca non c’erano ancora le macchine fotografiche digitali e tutte le immgini di quell’avventura sono conservate in diapositive. Dopo dodici anni trovarne una stampata è stata una piacevole sorpresa: prima o poi dovrò decidermi a digitalizzare anche quelle storia così analogia e nostalgica.

Qui sotto invece un’immagine più nota: la foto di foto di gruppo a 5100 metri  sulla vetta di CIMA ASSO. In senso orario dal centro: Angelo Rusconi, Cristian Cattivelli, Luciano Gimpà, Simone Rossetti e Davide Valsecchi.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: