Leap into the Void

CIMA-ASSO.it > racconti nel mazzo > Leap into the Void

“Caspita, mi piaciono molto le tue tette! Dirò qualcosa che gli si adatti. Noi portiamo la nostra visione ovunque andiamo. Se tieni la bocca chiusa te la mostrerò: noi tutti stiamo per morire, quindi vediamo di ubriacarci. Noi tutti stiamo per morire, quindi cerca di essere gentile…”

Questa è la traduzione dell’inzio della canzone di Slash e Iggy Pop, “We are all gonna die”, che stavo ascoltando mentre preparavo lo zaino per partire per il Congo. Iggy è il patriarca del Punk e, onestamente, alla sua età e con quella voce può permettersi più o meno quello che vuole, specie sulla chitarra di uno come Slash: “La vita è esigente ma io sono solo un barbone: se io la rispetto, ragazzo, mi sento stupido!”

La foto qui sopra invece è un opera dell’artista francese Yves Klein, “salto nel vuoto” del 1960. Quello che voglio provare a raccontarvi è la strana sensazione che “arriva” puntualmente prima di ogni viaggio e che l’esperienza non fa che accrescere. Forse questa canzone e questa foto possono aiutare a comprendere ciò che io chiamo “attrazione del vuoto”: uno stato d’animo tanto inquietante quanto esaltante, un misto di paura ed eccitazione. La mente corre ad esplorare i più improbabili scenari che dovranno essere affrontati, immagina situazioni e cerca soluzioni ed opportunità, prova a capire cosa serva nello ziano, cosa si possa recuperare in loco, cosa sia d’intralcio e ciò in cui si deve solo avere fortuna. La mente si tuffa nell’ignoto e cerca di precipitare con stile!

Ti senti come sulla rampa delle montagne russe, hai ancora qualche momento di traquillità quasi noiosa prima di essere catturato dalla gravità e cominciare ad urlare affrontando curve ed accelerazioni. Un attimo dopo la partenza sarai assorbito dagli eventi, ma ora sei solo in attesa di partire, inquieto e bramoso di vita perchè nessuno sa mai con certezza cosa accadrà. Hai bisogno di sentirti vivo, dannatamente carico e “pronto all’impegno”!

Mi ritrovo a pensare che in fondo non c’è alcuna differenza tra me e la peggiore delle scellerate rock star: lui guadagna di più mentre io sono “socialmente più accettabile”, entrambi abbiamo ciò che vogliamo ed entrambi sembriamo folli scriteriati che cercano di autodemolirsi.

Questa è la vita, tutti dobbiamo morire, è inutile risparmirsi: vale la pena darci dentro!

Dal 16 gennaio dovrò di nuovo giocare a scacchi con il destino per anticiparne le mosse: sarò responsabile dell’incolumità e della sicurezza della squadra e del raggiungimento degli obbiettivi del nostro viaggio ma, fino a quel giorno, è tempo di ROCK ‘n ROLL!!

Davide Valsecchi

2 thoughts on “Leap into the Void

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: