Ancora tra le nuvole d’Africa

Piove. Dicono che nevichi sopra i 1500 metri ma non riesco a vedere se oltre le nuvole abbia già cominciato a cadere la “bianca”. Il mio piano è quello di portare il “siciliano”, il nostro buon Fabrizio, al Brioschi sul Grignone questo Sabato. Il dubbio, se viene giù troppa neve, è che non sia ancora pronto ed equipaggiato a dovere.

Così, assorto nei miei pensieri, varco la soglia della trattoria. Non è nemmeno mezzogiorno ed il locale è vuoto. Saluto la “nonna”, che traffica in cucina, ed entro in sala.  Tutti i tavoli sono ancora vuoti, solo una persona è già seduta: Mr Enzo Santambrogio.

In due anni è la prima volta che ci troviamo faccia a faccia senza che nessuno possa disturbare o intromettersi.  Afferro la sedia davanti a lui e mi siedo di rimpetto. Rido: “Dai, ora siamo qui da soli, possiamo anche lasciar perdere il nostro teatrino per una volta: nessuno può vederci, dimmi un po’ come ti va?” Lui fa l’evasivo, traffica con il cellulare a testa bassa con aria distratta ma poi, più insisto, più inizia a ghignare sotto i baffi.

Gli riempio il bicchiere di rosso e picchio il mio sul suo in un brindisi: ”Alla salute!” Finalmente ride, afferra il bicchiere, ed è come se entrambi si ringiovanisse di tre o quattro anni. Mi racconta di essere in partenza per la Romania e poi di nuovo per la Tanzania: probabilmente quello era l’ultima occasione buona per trovarsi prima di chissà quando.

Il destino è spesso curioso. Due anime tanto diverse e volitive hanno saputo coesistere tanto a lungo attraverso mille difficoltà. Forse era inevitabile che fosse terribilmente romboante lo schianto con cui si sono divise ed altrettanto lento e silenzioso fosse il loro timido riavvicinarsi: “Alla salute, in bocca al lupo!”

Strade diverse ci attendono ma, oggi, i ricordi sono nuovamente preziosi come un tempo. Tra le nuvole d’Africa avevo scritto: “Un amico è qualcuno che ti conosce ma che, nonostante questo, ti vuole bene lo stesso”. Oggi quella mi sembra ancora una buona verità…

Davide Valsecchi

One thought on “Ancora tra le nuvole d’Africa

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: