La Via della Montagna

CIMA-ASSO.it > racconti nel mazzo > La Via della Montagna

«Provai gioie troppo grandi per poterle descrivere, e dolori tali che non ho ardito parlarne. Con questi sensi nell’anima io dico: salite i monti, ma ricordate coraggio e vigore nulla contano senza la prudenza; ricordate che la negligenza di un solo istante può distruggere la felicità di una vita. Non fate nulla con fretta, guardate bene ad ogni passo, e fin dal principio pensate quale può essere la fine» Edward Whymper

La passata settimana una tragedia con due morti sul Pizzo dei Tre Signori, nessuna novità sui tre italiani dispersi tra le alpi francesi mentre ieri, sulla cresta Piancaformia, ha perso la vita un’altro alpinista. Quest’ultima vittima, sul nostro Grignone, mi ha fatto molto riflettere.

Ogni volta che racconto qualcosa di montagna lo faccio con spensieratezza, con allegria, con lo scopo di condividere la bellezza che domina quei posti. La leggerezza dei miei scritti  è un atto obbligato di umiltà: oggi, che i tempi tragici ed eroici dell’alpinismo dovrebbero essere finiti, sarebbe ridicolo enfatizzare la sfida contro la montagna, contro il rischio, l’ignoto e la morte.

Tuttavia, se lo spirito ardito e fanatico del ‘900 è quasi del tutto scomparso, i pericoli della montagna sono però rimasti gli stessi: forse alleviati dalla tecnologia e dalle conoscenze, ma sempre presenti e terribili. Sarebbe sciocco enfatizzarli per vanità così come sarebbe altrettanto stupido sminuirli per pressapochismo.

Io spero che leggendo quello che scrivo su “cima” possiate avvicinarvi alla montagna, innamorarvi della sua bellezza, così come spero che possiate fare della “sfida con la montagna” una sfida onesta, tesa ad una conquista consapevole che abbia nella sicurezza un valore da enfatizzare.

Nel 2009 ho raggiunto la vetta dello Stok Kangri, una montagna innevata di 6130 metri sul confine Indo-cinese: quella è stata la salita più disorganizzata, improvvisata, approssimativa e scriteriata della mia vita. Sono arrivato in cima e sono tornato, certo, ma ho imparato quanto terribilmente conti il “come” in una salita. Ancora oggi i tanti errori commessi “prima” di iniziare quell’ascensione mi impediscono di esserne orgoglioso: non c’è gioia nel fare le cose in malo modo, non c’è nulla di eroico nel correre rischi inutili.

Pianificate le vostre salite, attrezzatevi in modo adeguato, allenatevi, istruitevi e durante la progressione, durante la salita, “proteggete” il vostro cammino e quello dei vostri compagni con ogni mezzo e conoscenza a vostra disposizione. Solo in questo modo, insieme alla vostra squadra, potrete godere della gioia della conquista oppure assaporare la bruciante sfida che rappresenta un’intelligente rinuncia.

«Tornate sani, tornate amici, arrivate in cima: in questo preciso ordine.» Giusto Gervasutti (detto il Fortissimo). «Raggiungere la cima è facoltativo, tornare indietro è obbligatorio.» Ed Viesturs

2 thoughts on “La Via della Montagna

  1. Hai perfettamente ragione: bisogna assolutamente tornare.Ma quello che spesso mi colpisce delle tragedie della montagna è il fatto che succedono anche a gente ben preparata e con esperienza; è proprio impossibile andare in montagna sicuri?

  2. Oggi si può e si deve andare in montagna in modo sicuro. Anche in caso di imprevisto o di incidente vi è sempre il modo di arginare i danni se si fanno le cose nel modo giusto, se si tiene alta la guardia. Le tragedie devono essere relegate al frutto di un’ineluttabile destino avverso.

    Questa è la Via che dobbiamo sforzarci di seguire quando la vita ci trascina e ci tenta per sentieri oscuri:

    “Non si può mai dominare la natura, l’alpinista deve assumersi le proprie responsabilità e non dare la colpa alla montagna. L’alpinismo porta con sé dei rischi, ma anche tutta la bellezza che si nasconde nell’avventura dell’affrontare l’impossibile. Provo una grande compassione per le vittime che hanno perso la vita sulle montagne e penso alle famiglie che sono a casa. La montagna porta gioia e sofferenza in egual misura. Chi ha arrampicato e continua a farlo, è entrato nella vita degli altri.” R.Messner

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: