Lok’Tar Ogar!

La mia insofferente ed anziana vicina ha una vera ossessione per il giardino e questo si traduce in un’infinita serie di fastidi e critiche ingiustificate. Così ieri, giusto per riequilibrare il Karma, ho preso dei vecchi copertoni e ne ho tratto un paio di fioriere in cui ho piantumato una pianticella di montagna, una cosina infestante e rampicante che cresce selvatica senza bisogno di alcun tipo di cura. Per abbellire il tutto ho piazzato un ranocchio di latta ed una testa di capriolo che avevo trovato nel bosco qualche giorno fa. Oggi, ironia della sorte, uno stormo di vecchiette vocianti ha invaso il giardino per ammirare i primi boccioli delle rose della mia vicina. Il modo con cui hanno sfilato in rigoroso ed agghiacciato silenzio davanti alla mia composizione floreale mi ha ripagato di ogni sforzo. Davvero figo il giardinaggio!

Davide “Birillo” Valsecchi