Category Archives: Biblioteca Canova

dscf7152 La Biblioteca Canova accoglie un’ampia collezione di riviste alpinistiche, tanto italiane quanto francesi e svizzere, donate da Lilia Canova ed appartenute al marito ed alpinista Armando Canova.

Nanga Parbat 1970

Published by:

Il Nanga Parbat, 8126metri, in Hurdo significa “montagna nuda”. Il toponimo Diamir, utilizzato localmente, significa “re delle montagne”. Gli scherpa invece la chiamano “la mangiauomini”. Oggi, ancora una volta, capeggia nelle cronache per un ennesimo incidente: Tomasz Mackiewicz, disperso ormai da giorni, ed Elisabeth Revol, scesa a valle grazie all’intervento di Jarosław Botor (capo del team), Denis Urubko,
[Continua a leggere…]

Piolet Traction anni 70

Published by:

Walter Cecchinel: per il lettore questo nome evoca la “face Nord directe du Pilier d’Angle au Mount Blanc” e soprattutto la prima ascensione (e la prima invernale) del “Couloir nord-est du Petit Dru”. Pertanto, indipendentemente da questi exploit, il nome di Cecchinel resterà legato a “une remise en question” (una rielaborazione) della tecnica di salita
[Continua a leggere…]

Guardiani del Drago Verde

Published by:

Avevo sentito spesso parlare di questo articolo di Reinhold Messner, “L’assassinio dell’Impossibile”, ma non avevo mai trovato dove poterlo leggere integralmente. Stamattina, trafficando con le riviste della Biblioteca Canova, me lo sono trovato davanti all’improvviso, come editoriale della “Rivista Mensile del CAI” Ottobre 1968. L’ho letto tutto d’un fiato e sono rimasto colpito e stravolto da
[Continua a leggere…]

Nut: incastro anni 80

Published by:

Sembra che i primi esperimenti di “dado ad incastro” risalgano agli anni 20, in Gran Bretagna, dove gli arrampicatori dell’epoca legavano corde di canapa attorno a ciotoli levigati di fiume per poi incastrarli a forza nelle fessure di arenaria. L’evoluzione successiva utilizzava le prime stringhe in nylon degli scarponi attorno a sassolini sempre più piccoli.
[Continua a leggere…]