Category: cima-asso

CIMA-ASSO.it > cima-asso
Angelo Rusconi intervistato da LaProvincia prima della partenza

Angelo Rusconi intervistato da LaProvincia prima della partenza

La giornalista di Asso, Mara Cavalzutti, ha intervistato Angelo Rusconi prima della sua imminente partenza per il Pakistan. L’articolo è stato pubblicato il 24 Agosto 2008 da La Provincia di Como ed è possibile leggerne la copia on line qui.
Grazie Mara per aver dato spazio alle iniziative di Angelo!

A scuola di solidarietà nelle valli del Pakistan
L’alpinista Angelo Rusconi, col Cai di Asso, ha fondato un’istituto femminile nel Paese

L’inaugurazione è fissata per il 3 settembre. A Hiderabad, nella valle pachistana di Hunza, vedrà la luce una scuola elementare femminile. Padre dell’iniziativa, con la collaborazione del Cai di Asso, è Angelo Rusconi, 66enne di Canzo, a capo di numerose spedizioni della sezione di Asso del Cai. L’alpinista partirà tra pochi giorni per essere presente all’inaugurazione il 3 settembre, contento di tornare in Pakistan dove lo ha condotto la sua passione per la montagna e poi l’affetto della gente. «La scuola composta dalle prime tre classi elementari, – spiega Rusconi – potrà ospitare circa 120 bambine e sarà intitolata a Nuccia Paredi, una cara amica che non c’è più». La prima volta di in Pakistan risale al ’97, quando con la sua squadra salì a 6200 metri sullo Spantik della catena montuosa Karakorum, la stessa dove nel ’98, conquistò la sua cima più alta, il Drifika, a 6500 metri. L’alpinista, che negli ultimi anni ha stretto buoni rapporti con la gente del posto, ha deciso di fare qualcosa per i pastori che abitano quelle zone remote. Quello della scuola è solo l’ultimo dei progetti portati avanti da Rusconi in Pakistan: nel ’99 in seguito alla conquista della Cima-Asso (5300 metri), con l’aiuto di alcuni simpatizzanti, è riuscito a costruire la Capanna Lombardia, vera e propria struttura di supporto per gli escursionisti. «Le montagne pachistane non sono molto praticate dai locali – spiega Rusconi – e perciò anche le iniziative per la loro valorizzazione scarseggiano. Ho pensato così di attrezzare la zona del lago Bari Lake, come un vero e proprio rifugio, dove poter sostare e rifocillarsi adeguatamente, per dare ristoro agli esploratori, che una volta tracciate le vie si sono fatti numerosi». Rusconi non è nuovo a iniziative di solidarietà a sostegno dei bambini. Da diversi anni è finanziatore dell’orfanotrofio di Gilgit, sostenuto esclusivamente dalle offerte, che ospita cinquanta bambini e li istruisce fino ai 18 anni. La scuola elementare femminile che aprirà a settembre si trova a Hiderabad, paese del grande alpinista pakistano Ashraf Amman, grande amico di Rusconi.

L’impegno di Angelo in un’intervista del Corriere di Como

L’impegno di Angelo in un’intervista del Corriere di Como

Venerdì 22 Agosto 2008 è stata pubblicatoa dal “Corriere di Como” una lunga intervista a Pierluca Elias, compagno di viaggio di Angelo Rusconi nel suo piu’ recente viaggio in Pakistan.
L’atricolo ripropone le attività di Angelo svolte in questi anni e l’imminente inaugurazione della scuola per bambine a Hyderabad nella valle di Hunza. Proprio in questi giorni Angelo si appresta a partire nuovamente per il Pakistan per presenziare alla prima lezione che si terrà nella nuova scuola.

Da “CorriereDiComoOnLine” del 22/08/08 scritto da Giuliana Panzeri:

Rientrato a fine aprile da un breve viaggio in Pakistan con Pierluca Elias, manager milanese, l’alpinista vallassinese Angelo Rusconi, con il sostegno di amici della montagna e simpatizzanti, si accinge a tornare nel Paese asiatico nei prossimi giorni, per l’inaugurazione di una scuola per bambine a Hyderabad, nella valle di Hunza, prevista il 1° settembre, all’inizio delle lezioni.
Il progetto è stato portato a termine a cura del gruppo di alpinisti del Cai di Asso impegnati nelle valli e sulle montagne dell’Hindu Kush. Accanto alla passione sportiva è cresciuto negli anni il contatto con le popolazioni locali, portando il gruppo a promuovere interventi umanitari.

Continue reading “L’impegno di Angelo in un’intervista del Corriere di Como”

9° Compleanno Cima Asso!!

9° Compleanno Cima Asso!!

Auguri Cima-Asso
Auguri Cima-Asso

Oggi è il mio compleanno ed  il compleanno di Cima-Asso. Nove anni fa battezzavamo la via con cui abbiamo raggiunto la cima: “Il sentiero delle mamme“.

Quella salita era dedicata alle nostre mamme e a tutte le madri che vedono partire i propri figli verso l’ignoto della vita. Quanto coraggio ci vuole anche in questo. Era un atto dovuto ed oggi, dopo tanti anni, si dimostra ancora la scelta migliore, la più lungimirante.

Questo è il secondo compleanno che festeggio senza la mia mamma. Un destino crudele e bastardo ce l’ha portata via.
Qualcosa che non ho ancora perdonato al quel cielo che lassù sembrava così vicino. Ma quest’anno qualcosa di nuovo argina la tristezza, c’e’ un nuova mamma nella mia famiglia e pare che diventerò Zio.

La mamma in questione è mia Sorella ed il padre era in cima con me quel giorno, non posso che essere grato a quel “cucuzzolo” di roccia in mezzo alle montagne del Pakistan per averli fatti incontrare.

Ciao Mamma…

Cima-Asso in 3D!!!

Cima-Asso in 3D!!!

Cima Asso in 3dNel 1999 la tecnologia di cui disponevamo era avanzatissima rispetto agli standard delle popolazioni che incontravamo lungo il nostro cammino. Tuttavia nonostante il “goretex”, il “vibram”, le radio ed i pannelli solari il nostro viaggio esplorativo si basava sulle risorse che eravamo in grado di recuperare in loco: vecchie jeep, trattori, asini e portatori spesso scalzi.

Anche i contatti con casa erano difficili, i pochissi centri dotati di telefono utilizzavano linee così precarie che a causa dei ritardi nella trasmissione era necessario chiudere le frasi con “passo” alla maniera delle conversazioni radio. Quando poi la pioggia monsonica ha imperversato sul territorio sono stati spazzati via ponti e strade constringendoci ad un avanzata ulteriomente rallentata dalle difficoltà e dai rischi.

Questo avveniva solo 9 anni fa, quando esplorare richiedeva mezzi, risorse e competenze preventivando una buona dose di rischio. Con un po’ di nostalgia per un mondo che ormai non c’è piu’ vi presento la Cima Asso come nessuno di noi l’ha mai vista, l’evoluzione dei sistemi satellitari pubblici ci permette di mostrarvi il rendering trimensionale sulla base delle immagini catturate dai satelliti.

Ecco a voi Cima-Asso in 3D!!

Continue reading “Cima-Asso in 3D!!!”

Theme: Overlay by Kaira