Tassi del Moregallo

Da Isola Senza Nome.
"Toppa" dei Tassi del Moregallo
Lemmy dei MotorHead

I Tassi del Moregallo sono una compagine alpinistica / esplorativa / spleologica / alcolica / casinista che ha fatto la sua comparsa nel territorio dell'Isola Senza Nome più o meno nell'Agosto del 2014. Fondatore del gruppo Davide Birillo Valsecchi che, già negli anni precedenti, aveva organizzato piccoli gruppi sperimentali dediti alla riscoperta della montagne dell'Isola Senza Nome e dei territori circostanti. I "Badgers", tassi in inglese, così come erano chiamati inizialmente, sono via via diventati un gruppo più coeso ed organizzato assumendo il più impegnativo e rappresentativo nome ufficiale di Tassi del Moregallo.

I primissimi membri del gruppo erano tutt'altro che esperti: la maggior parte di loro aveva alle spalle solo qualche corso di alpinismo o spleologia, conosceva a malapena le basi dell'arrampica. Degli "scarsoni" che con dedizione e caparbietà si infilavano in tutti quei luoghi che, gli esperti e gli alpinisti più blasonati, ritenevano troppo brutti o pericolosi per essere frequentati. Questa loro inclinazione al "ravano", probabilmente eredità dell'ambiente speleo, ha permesso al gruppo di affinare competenze e capacità spesso quasi bordeline nel mondo dell'alpinismo (come progressione in piolet su erba verticale e cose simili...).

I Tassi non hanno mai avuto un vero capo e probabilmente non l'avranno mai, ogni membro gode della massima indipendenza e libertà. Chi nel gruppo si distingue come guida carismatica nel mantenere la coesione del gruppo viene insignito del titolo di "Nostromo", un titolo che è un onorificenza più che una vera e propria carica. Attualmente il Nostromo dei Tassi del Moregallo è Davide Birillo Valsecchi.

L'origine del nome risale alle prime esplorazioni della piccola Grotta del Sindaco situata poco distante dal Pilastrello. Durante gli scomodi scavi della piccola grotta si scoprì che questa era abitata da una famiglia di tassi che, con i robusti artigli, aveva marchiato il proprio territorio graffiando in modo esplicito ed inquietante le pareti della grotta. Il tasso alfa di questa famiglia, amichevolmente battezzato Lemmy (come il bassista dei MotorHead), era quindi il Sindaco dei Corni.

Il gruppo ha tratto ispirazione dai gruppi storici del lecchese, come i Ragni della Grignetta, il Gruppo Gamma, i Corvi di Mandello, ma anche da formazioni più contemporanee e meno "formali" come gli AsenPark. Il gruppo voleva però costruire una propria identità rimarcando lo stretto legame con il territorio a cui appartiene. Così il Tasso è diventato il loro animale totemico, mentre la selvaggia natura del Moregallo è divenuta la loro casa ed il loro emblema.

Nel 2016 il Catasto Speleologico Lombardo riconosce il toponimo "Grotta dei Tassi del Moregallo" assegnando alla grotta individuata e rilevata dal gruppo il Codice identificativo FSLo numero "LOLC8028". Lo stesso anno la pubblicazione Vertice, prestigioso annuario della Sezione Cai di Valmadrera, riconosce il toponimo "Scoglio dei Tassi" per lo sperone roccioso dell'Anticima Est del Moregallo su cui il gruppo ha aperto diverse nuove vie d'arrampicata. Nonostante il gruppo rimanga composto per lo più da "scarsoni" giungono i primi riconoscimenti ufficiali per la loro intensa attività di ricerca.

La storia racconta di un'imprevista amicizia a distanza tra il Nostromo dei Tassi ed il Presidente dei Ragni da cui nacque un curioso scambio di messaggi: "Voi Ragni siete come il Grande Mazinga, noi Tassi siamo quello scassone del Boss Robot. Ma te lo garantisco: nell'ultima puntata anche noi avremo un ruolo decisivo nel salvare la Terra" Probabilmente questa frase rappresenta al meglio lo spirito dei Tassi del Moregallo

Tassi croce corni.jpg

Boss Robot è lo sgangherato robot pilotato da Boss, personaggio degli anime, Mazinga Z, Grande Mazinga e, per pochi episodi, Ufo Robot Goldrake. Realizzato con materiali di scarto, viene sempre distrutto durante le battaglie che combatte, anche se a volte si rivelerà fondamentale per permettere a Mazinga Z e al Grande Mazinga di vincere i nemici. Nel susseguirsi degli episodi Boss cercherà di potenziarlo con stravaganti accessori, tipo palloncini per farlo volare o salvagenti per farlo galleggiare in mare, che si riveleranno perennemente inutili.