Sgretolasso e la Zabetta

CIMA-ASSO.it > asso > Sgretolasso e la Zabetta

Continua la Telenovela a puntate sulle bacheche del Comune di Asso: oggetto della contesa odierna tra Sindaco e La Provincia è lo strano fenomeno che ha interessato la strada pedonale dietro il “Punt di Gubit”.

Le fasi dello smottamento (clicca sull'immagine per ingrandire)
Le fasi dello smottamento (clicca sull'immagine per ingrandire)

Io passo abbastanza spesso da quella stradina e così, quando mi sono accorto che qualcosa di strano stava succedendo  ho cominciato a fare foto con il cellulare. All’inizio pensavo di avere le traveggole ma, giorno dopo giorno, mi sono accorto che la strada stava davvero cambiando!

Il tutto è cominiciato più o meno il 14 Agosto 2010. La via si era riempita di “bozzi” mentre si intravvedevano crepe nell’asfalto: sembrava che il passaggio stesse candendo nel Lambro! Il giorno successivo la situazione era peggiorata e le crepe si erano allungate anche nell’asfalto fresco che era stato posato qualche giorno prima: il fenomeno, qualsiasi cosa fosse, era in atto proprio in quei giorni!

Alla fine ho cominciato a passare sempre più spesso per capire che stesse succendo. Non ho scritto nulla su “Cima” perchè quello è un un punto “molto” caldo politicamente ad Asso e, volendo evitare polemiche, ho avvertito uno degli Assessori. Ovviamente uno dei pochi che si dimostra ancora cortese e disponibile nonostante i recenti dissidi con Sindaco e Vice-Sindaco per  via dei Cedri di Asso.

Come dicevo “calda” perchè in quel tratto è esploso uno dei tubi di tracimazione al centro del contenzioso tra Amministrazione ed Opposizione ne “La battaglia dell’acqua piovana” e per di più, durante i lavori di riparazione, in quel punto una donna si è rotta una gamba cadendo. Ciliegina sulla torta il sospetto che il fenomeno fosse in parte provocato anche dall’intervento di pulizia dell’argine effettuato qualche giorno prima e ripreso in pompa magna da TVS.

Nel dubbio che ogni mio avvertimento fosse strumentalizzato e bollato di demagogia dopo aver informato l’assessore me ne sono stato zitto continuando a studiare il curioso evento. La strada è stata poi transennata ma, fatto curioso, inizialamente solo a monte: chi risaliva dal Ponte dei Gubit in quei giorni si rendeva conto che la strada era interdetta solo dopo averla percorsa tutta. Qualche giorno fa, credo dopo il 28,  hanno transennato anche a valle ponendo fine al mio curioso documentario sullo “Sgretolasso“. (In realtà passano tutti lo stesso ma non sta bene dirlo…)

Oggi non ha più senso starmene zitto perchè infiamma sulle bacheche un nuovo round della sfida tra il Sindaco ed il Giornalista di Asso. Già perchè il giornalista ha scritto un’articolo sull’accaduto (che potete leggere qui) ma il Sindaco, che ormai proprio non lo sopporta, ha affisso una lettera reclamando il suo “diritto di replica” sulla questione.

Sgretolasso e la Zabetta: tragicommedia allo stato puro. Già perchè se il Sindaco, 15 giorni fa, avesse utilizzato quello stesso spazio per espletare il suo “dovere” a palesare un pericolo, che tra l’altro stavano già in parte circoscrivendo, non avrebbe avuto la necessità di “zabettare” ancora una volta sulle bacheche reclamando invece un proprio “diritto”.

Fino a quando il Sindaco vorrà usare quelle bacheche per “avere l’ultima parola” non farà altro che coprire di ridicolo la Comunità: lo stesso “sforzo” esercitato oggi per pubblicare una lettera di protesta poteva essere meglio speso 15 giorni fa per informare e rassicurare i cittadini. Oggi sarebbe convenuto sorvolare o magari integrare l’articolo con informazioni più accurate senza scadere nella polemica. Mettersi a picchiare i piedi invocando la replica è ridicolo, imbarazzante perfino.

Come scrisse Riccardo Borzatta in una delle sue poesie dialettali: “Sìndich e amiis del sìndich: metii cò!”

Comunque sono contento che alla fine sia solo un tubo esploso perchè, da metà Agosto, avevo il timore che stesse franando la strada e, in tutta onestà, ero in pensiero per il mio amatissimo maialino “Birillo” che, lungo le rive del Lambro, dimora proprio lì sotto .

Davide “Birillo” Valsecchi

Ps.: “Buongiorno Sergio…”
Ps2:  Zabetta è ovviamente riferito a quell’impiccione di Giovanni Cristiani che, con il suo “giornalino” fondato nel 1892, non ha ancora perso l’odioso vizio di raccontare quello che succede ad Asso… Birbante!!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: