Asso, frammenti di Medioevo

CIMA-ASSO.it > asso > Asso, frammenti di Medioevo

Contrada Boara Asso“Le tortuose stradine di Asso con le loro ripide salite e il loro selciato sdrucciolevole”
Asso era una terra antica dai tratti mediovali forti. Così la vedeva {it:Sthendhal} nel 1818 e così si mostra ancora oggi, con le stimmate medievali impresse nelle stradine, nei vicoli, nello stesso impianto urbanistico dettato dalle proiezioni del castello e della concentrazione delle case forti disposte attorno ad un nucleo centrale del vecchio borgo medioevale.

“A chi ha l’anima sensibile al bello pittoresco, suol piacere tutto l’insieme di questa veduta.”
{it:Calro Mazza} così descriveva Asso nel 1796. Le parole erano dettate indubbiamente dal suo amore per il proprio paese ma anche dalla forte suggestione di un “chiaroscuro d’un ben inteso quadro di prospettiva”, ravvivato dai monti,dal fiume delle “terre che si scorgono in lontananza”.

“Le tre Torri che si ergono nel sito più eminente del Borgo, il letto del fiume, il ponte, le case civili frammezzano alle rustiche, le due terre di Pagnano e Fraino a lui sovrastanti, l’elevate e visibili pianure di Gemù e di Caglio e le terre che si scorgono in lontananza, avvivano e fanno il chiaroscuro di un ben inteso quadro di prospettiva”. ( {it:Carlo_Mazza|C.Mazza} )

L’antico Borgo di Asso è un vero inno all’identità del luogo.
“Dopo un insensibile salita s’affaccia l’antico Borgo di Asso, teatralmente fabbricato sul pendio d’un monte alle cui falde scorre il Lambro”. ( {it:Carlo_Mazza|C.Mazza} )
Si può ipotizzare che “l’antica mura di Asso scendesse dal Castello verso S.Giuseppe, abbracciando la piazza del mercato (e il suddetto mulino e Fondo) salendo fino al Ceppo Rosso attorno alla Casa Locatelli e Prepositurale (la quale fu poi rifrabbricata sulla stessa mura), fino a congiungersi nuovamente al Castello verso Levante” . ( {it:Carlo_Mazza|C.Mazza} )

Contrada Boara AssoNella Carta del Lombardo Veneto si legge ancora l’originaria disposizione delle mura del castello che scendevano sul lato occidentale fino a lambire il borgo “Scenicamente fabbricato sul fianco del burrone entro cui rumoreggia il Lambro…” ( {it:Cesare_Cantù|C.Cantù} ).
E caso mai ce ne fosse bisogno ecco il rinvenimento (recentissimo) di uno scheletro di donna con il suo cavallo proprio a ridosso delle antiche mura.

“Sotto alla mura girava attorno a tutta la piazza, da ogni lato, un alto Bastione terrapieno, sormontato da un muro merlato, con balestriere, che serviva di parapetto e impediva che giocassero gli arieti, ed altre macchine, contro le mura e la torre da tramontana.”. ( {it:Carlo_Mazza|C.Mazza} )

“A levante v’era la grande Torre, difesa dal primo Bastione e da qualche abloardo al di fuori. Al dentro un piccolo cortile, chiuso da una terza porta. Da esso, con scale si saliva all’unica apertura che aveva la detta Torre (all’altezza di 18 Braccia) al caso che il nemico avesse, per assalto, presa la Fortezza.” ( {it:Carlo_Mazza|C.Mazza} )

Tratto da:
“Asso e Dintorni”
La volorizzazione culturale del Borgo di Asso e della sua Torre

Ricerca, accurata ed appassionata, condotta dal Prof. Edo Bricchetti nel 2005 per il Comune di Asso.

3 thoughts on “Asso, frammenti di Medioevo

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Theme: Overlay by Kaira
%d bloggers like this: