Venezia: le nuvole tra i Canali

Le nuvole tra i canali

Le nuvole tra i canali

«Se Lei ti pugnalasse alla pancia mentre ti bacia continueresti lo stesso a baciarla? Credo di sì, in fondo non mi hanno mai preso con una coltellata ed è parecchio che non mi regalano un bacio da brivido.»

Strani pensieri per questa mattinata leggera a Venezia, chissà da dove arrivano? Forse è colpa delle prigioni di ieri, i piombi ed il Casanova, forse è colpa delle Veneziane o forse è tutta colpa di quella maledetta o benedetta vodka.

In questa città bevono tutti come disperati, chissà, forse è perché qui si và tutti a piedi, non so. D’altronde come fai a non bere in mezzo agli artisti. Mi piacciono gli artisti, mi divertono. Parlano, parlano e parlano. Parlano sempre e raccontano il loro punto di vista sul mondo e sulla loro arte. Come fai a non bere?

Ci sono artisti ingenui ed allegri come bimbi che nuotano d’estate, altri hanno sorrisi degni di squalo ed altri ancora si gonfiano come ridicoli pesci palla. Mi piacciono e mi divertono. Sinceramente, senza scherzo o offesa.

In fondo l’arte è un po’ come l’acqua, ti scivola tra le mani e sfugge senza farsi mai veramente acchiappare. Libera fa tutto quello che gli pare e va dove gli garba. A volte si riposa e si lascia prendere ma è solo perché è vanitosa. Come l’arte, poi, se ci sguazzano in troppi diventa sporca e va bene solo per rospi e girini.

Lei corre, esplora e si muove viva nelle profondità della terra lungo canali nascosti e salta fuori nei posti più strani. Ecco perché mi piace andare a zonzo con Santambrogio. Quel pirata li vede quei sentieri segreti dove corre, è come un rabdomante e la segue con quel suo passo che pare svogliato. Credo proprio che la veda.

Quando la trova, quando raggiunge una nuova sorgente, alle volte si fa pure pigro. Perché chinarsi a raccoglierla, in fondo a lui è bastato trovarla e se la ride. Io no però, tiro fuori il mio bicchiere in inox con tanto di maniglia e mi godo l’acqua buona, e più è fresca e batte nei denti e più mi piace. Acqua Buona, il meglio dopo una gran camminata o un gran bevuta.

Oggi scivolo nei pensieri passeggiando per Venezia, Acqua Buona. Ogni tanto incontro un pozzo ma i veneziani li hanno chiusi tutti e mi fanno quasi tristezza quelle magnifiche piazze. Ma li riapriranno, Venezia si stancherà di acqua in bottiglia e acqua ferma. O forse continuerà a darci dentro con spritz e vodka, non so.

Che bello il cielo, mi piacciono queste nuvole sui tetti, sopra i canali. Chissà se qualcuno guarda mai il cielo a Venezia? Sarò l’unico sciocco o ci sono altri che son già finiti a mollo nel canale guardando queste nuvole?

Davide “Birillo” Valsecchi

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: