Coduri: la gazzosa ticinese

Coduri - La gazzosa ticinese

Coduri – La gazzosa ticinese

Il nostro viaggio in Ladakh ha avuto la forza di coinvolgere le realtà più disparate ed è con piacere che posso raccontarvi di uno dei nostri più entusiasti sostenitori: Coduri, la Gazzosa Ticinese!

Abbiamo incontrato Gabriele Coduri, giovane titolare della Cochi Bibite di Mendrisio, quasi per caso, ad una presentazione a Como. Gabriele è rimasto colpito dalla nostra iniziativa e ci ha invitato a visitare i suoi stabilimenti in Svizzera dove continua la tradizione  iniziata da suo nonno Bruno già nel 1936: la produzione della classica gazzosa ticinese, bevanda tra le più rinomate ed apprezzate dell’epoca.

Anche oggi questa bevanda è diffussima oltre confine ed è un esempio di come la Svizzera sia encomiabile nel tutelare e valorizzare le proprie tradizioni ed i propri prodotti tipici. La Gazzosa Coduri è infatti imbottigliata rigorosamente in bottiglie di vetro da 35cl ed il tappo, con mio immenso stupore, è ancora a macchinetta!!!

Il “vuoto”, espressione ormai quasi in disuso da noi, è rigorosamente a rendere e  se la bottiglia è bella il contenuto è altrettanto buono: la gazzosa svizzera ha infatti diversi “gusti”, il mio preferito è l’aroma al mandarino.

Credo che questo sia un eccellente esempio di come si possa salvaguardare la cultura ed i prodotti tipici del proprio territorio. Ovviamente lo stabilimento racchiude tutta la tradizione ma anche l’efficienza Svizzera che si traducono in un efficace capacità commerciale del prodotto. Gabriele ci ha raccontato che la sua azienda sta consociando tutti i produttori tradizionali di gazzosa e, recentemente, anche il marchio e la ricetta della Gazzosa Noè, storica bibita che risale addirittura al 1883, è entrato a far parte di questo gruppo.

Ho una bottiglia di Gazzosa Coduri sulla scrivania (purtroppo ormai vuota) ed ogni volta che vedo quel vetro trasparente, quel semplice capriolo rosso come etichetta ed il tappo a macchinetta non posso che provare invidia per i nostri cugini svizzeri e per la capacità che hanno avuto nel coniugare il futuro ed il passato unendo tradizione e tecnologia.

Bravo Gabrile!! Mantenere viva ed economicamente valida una tradizione tanto antica è realmente encomiabile. Sono veramente felice di poter raccontare i tuoi prodotti ai nostri connazionali!!!

By Davide “Birillo” Valsecchi pubblished on Cima-Asso.it

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: