Tropical Rain

Tags: ,
Giorno e notte

Giorno e notte

Quando da queste parti arriva il monsone comincia a piovere per davvero: viene giù a secchi e non sembra finire mai! Di notte il vento forte e l’acqua scuotono il nostro “banda” e la nostra piccola capanna con il tetto in paglia sembra sempre sul punto di andare in pezzi. Ormai tutto il nostro equipaggiamento è zuppo!!

Qui, sull’isola di Mafia, tutto sembra spento, addormentato. Durante il resto dell’anno questa è la sede di un importante parco marino sull’Oceano Indiano ma in questa stagione non ci sono visitatori: niente turisti e nessun albergo aperto. L’isola sembra deserta, abbandonata. I locali stanno rintanati nelle case, al riparo dalla pioggia, ed anche il mercato è invaso dall’acqua. La sensazione, in questo grigio tropicale, è quasi surreale.

L’altra sera pensavo che il vento avrebbe scoperchiato la capanna ma si è limitato a diveltere i pali della corrente. Ora siamo di nuovo senza humeme, di nuovo al buio con qualche candela per la notte. Vi scrivo a braccio, finita la batteria del portatile saranno finite le trasmissioni. Almeno fino al nostro ritorno o fino a quando il sole non tornerà ad irraggiare i nostri pannelli fotovoltaici.

Tuttavia vi dirò: non è poi così male! Passiamo la giornata camminando sotto la pioggia tra la spiaggia e la scgliera coperta di fitte mangrovie e palme. La costa occidentale è molto più selvaggia di quella orientale dove ci sono le spiagge protette del parco. Spesso, quando la marea si alza fino al suo limite, siamo costretti a tornare al campo immersi fino alle spalle nell’acqua scura ed oleosa tra le piante. A volte più che il mare sembra una giungla o una palude salmastra. Mi piace, è uno scenario imprevisto, diverso.

Quando esce qualche rara schiarita ed il sole ci permette di scaldarci un po’ ma è sorprendente quanto, con il cattivo tempo, faccia freddo anche ai tropici. Mentre vi scrivo cuciniamo alla griglia i barracuda che abbiamo comprato dai pescatori ma, nonostante tutto l’esotico che ci circonda, ho la sensazione di fare campeggio in “Valle Bassa” in Autunno, sotto la pioggia. Se avessimo vino rosso ed un salame sarebbe quasi come a casa!!

Hakuna Matata gente, Lunedì saremo di nuovo tra quelli di Asso!!

Davide “Birillo” Valsecchi

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: